Synnex e Tech Data: accordo per fusione definitiva

La transazione di fusione tra Synnex e Tech Data dovrebbe concludersi nella seconda metà dell'anno solare 2021.

Synnex e Tech Data: accordo per fusione definitiva

Accordo definitivo di fusione Synnex e Tech Data.

Secondo i termini di questo accordo le due società si uniranno in una transazione valutata circa 7,2 miliardi di dollari, compreso il debito netto. La società combinata, con circa 57 miliardi di dollari di ricavi annuali pro forma stimati e un team di oltre 22.000 collaboratori, fornirà a clienti e fornitori un’ampia copertura attraverso prodotti, servizi e aree geografiche per accelerare l’adozione della tecnologia.

In base ai termini dell’accordo, Apollo Funds riceverà un totale di 44 milioni di azioni ordinarie Synnex oltre al rifinanziamento del debito netto esistente di Tech Data e azioni privilegiate rimborsabili di circa 2,7 miliardi di dollari.

Alla chiusura della transazione, gli azionisti di Synnex possederanno circa il 55% dell’entità combinata, con Apollo Funds che ne deterrà circa il 45%.

La nuova struttura Synnex e Tech Data

Rich Hume, attuale Ceo di Tech Data, guiderà la società combinata come CEO. Dennis Polk, Ceo di Synnex, sarà presidente esecutivo del consiglio di amministrazione e assumerà un ruolo attivo nella strategia in corso e nell’integrazione del business, tra le altre responsabilità.

La società combinata avrà un consiglio di undici membri, tra cui Hume, con sei persone nominate da Synnex e con Apollo Funds per avere diritti di designazione del consiglio basati sulla proprietà, inizialmente inclusi quattro amministratori totali, due dei quali saranno indipendenti.

Si prevede un aumento di utile per azione diluito non GAAP di oltre il 25% nel primo anno dopo la chiusura, con un ulteriore aumento previsto nel secondo anno.

Synnex e Tech Data: accordo per fusione definitiva
Siglato accordo per la fusione di Synnex e Tech Data. La transazione è valutata circa 7,2 miliardi di dollari

Si prevedono ottimizzazioni nette e vantaggi sinergici di 100 milioni di dollari nel primo anno dopo la chiusura, raggiungendo un minimo di 200 milioni di dollari entro la fine del secondo anno.
La società combinata beneficerà di una solida base finanziaria e di un profilo di qualità d’investimento.

Sulla base dell’EBITDA rettificato pro-forma degli ultimi dodici mesi di circa 1,5 miliardi di dollari e del debito combinato previsto di circa 4 miliardi di dollari alla chiusura, l’EBITDA del debito rettificato dovrebbe essere di circa 2,7 volte alla chiusura della transazione e si prevede che scenderà a circa il doppio entro 12 mesi .

La transazione dovrebbe concludersi nella seconda metà dell’anno solare 2021, subordinatamente al soddisfacimento delle consuete condizioni di chiusura, tra cui l’approvazione da parte degli azionisti di Synnex e le approvazioni normative.

Le dichiarazioni dei Ceo di Tech Data e Synnex

MiTAC Holdings Corporation e le sue affiliate, che possedevano collettivamente circa il 17% delle azioni Synnex al 22 gennaio 2021, hanno accettato di votare le proprie azioni a favore della transazione. Fino al completamento della transazione, le società continueranno a operare in modo indipendente.

“Si tratta di una trasformazione per la società, Synnex e per l’intero ecosistema tecnologico. Insieme, saremo in grado di offrire ai nostri clienti e fornitori una copertura, un’efficienza e una competenza eccezionali, ridefinendo l’esperienza e il valore che ricevono. L’azienda combinata beneficerà anche di una significativa forza finanziaria per investire nella sua piattaforma di crescita principale e nelle tecnologie di Next Generations di cybersecurity, cloud, dati e IoT, che stanno vivendo una crescita esplosiva a causa del lavoro da casa e delle tendenze a ritornare in ufficio. Non avremmo potuto raggiungere questa pietra miliare senza il duro lavoro dei nostri colleghi, e non vediamo l’ora di lavorare insieme al team Synnex per unire le nostre aziende senza soluzione di continuità e creare un valore significativo per tutti i nostri investitori”, afferma Hume.

“Siamo entusiasti di collaborare con Tech Data e crediamo che questa fusione porterà benefici a tutti i nostri investitori. Questa transazione permette di accelerare la crescita dei ricavi e degli utili, di avere un’impronta globale ampliata e la capacità di guidare significativi miglioramenti operativi continuando a creare valore per gli azionisti. Non vediamo l’ora di lavorare con i colleghi di talento di Tech Data e ci aspettiamo che il nostro business combinato crei l’opportunità per i membri del team di produrre i più alti livelli di servizio ai nostri partner”, conclude il ceo dell’altra società fusa.