Servizi di infrastruttura cloud: boom nel Q2 2020 grazie al Covid-19

Canalys analizza i servizi basati su cloud nel Q2 2020 e certifica una crescita in termini di dollari grazie a lavoro a distanza ed e-learning.

Servizi di infrastruttura cloud: boom nel Q2 2020 grazie al Covid-19

Il mercato mondiale dei servizi di infrastruttura cloud del secondo trimestre 2020 ha continuato a crescere, con una spesa aumentata del 31% a 34,6 miliardi di dollari.

Nel complesso, la spesa totale è stata di oltre 3,5 miliardi di dollari in più rispetto al trimestre precedente e di oltre 8 miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2019. Sono queste le ultime rilevazioni di Canalys relativamente alla spesa per servizi di cloud infrastructure.

Questo incremento sui servizi di infrastruttura cloud rappresenta la più grande espansione trimestrale in termini di dollari poiché il consumo di servizi basati su cloud per la collaborazione online e strumenti di lavoro a distanza, e-commerce, apprendimento remoto e streaming di contenuti ha raggiunto nuovi record durante il lockdown.

Analizzando i tassi di crescita, Canalys ha osservato come continuino a essere limitati a causa di un rallentamento dei grandi progetti, poiché le prospettive economiche si sono indebolite e vi sono risorse IT più durature. Amazon Web Services (AWS) è stato il principale fornitore di servizi cloud nel secondo trimestre 2020, con una quota del 31% della spesa totale. Microsoft Azure ha raggiunto la quota di mercato del 20% per la prima volta dopo una forte fine dell’anno fiscale. Google Cloud è rimasto il terzo maggiore fornitore di servizi cloud con il 6%, dopo aver superato i 2 miliardi di dollari, seguito da Alibaba Cloud con il 5%.

Servizi di infrastruttura cloud: boom nel Q2 2020 grazie al Covid-19
I primi quattro produttori di servizi cloud nel dettaglio. Fonte Canalys

La continuità aziendale è emersa come priorità assoluta per molte realtà dall’inizio dell’anno. La necessità di piani robusti per consentire il proseguimento delle operazioni, indipendentemente dalla situazione, non è mai stata così cruciale, considerato l’impatto della pandemia di COVID-19. “I servizi basati su cloud sono stati fondamentali per consentire piani di continuità di emergenza progettati per mantenere le operazioni virtuali durante il blocco“, ha affermato Matthew Ball, Chief Analyst di Canalys.Anche questi si riveleranno fondamentali nella prossima fase della risposta a COVID-19, poiché le economie si riapriranno gradualmente. Oltre a supportare il lavoro in remoto e l’apprendimento a distanza, i servizi basati su cloud saranno alla base dell’implementazione di nuovi flussi di lavoro digitali come i sistemi di prenotazione e ordinazione online e altri impegni di servizi senza contatto. Farà anche parte delle soluzioni per rendere sicuri i luoghi di lavoro Covid monitorando i livelli di occupazione e i passi, nonché la ricerca dei contatti per aiutare a riaprire con sicurezza grandi uffici e strutture educative. La domanda di servizi basati su cloud rimarrà forte, poiché le società accelereranno le loro iniziative di trasformazione digitale nei prossimi 12 mesi per capitalizzare nuove opportunità emergenti “.

Le aziende trarranno vantaggio dai diversi punti di forza e capacità di ciascun fornitore di servizi cloud, in quanto migrano più carichi di lavoro esistenti sul cloud pubblico e sviluppano nuove applicazioni native per il cloud.

Ma questo non sarà un processo rapido. Sarà invece un processo pluriennale. “La differenziazione tra i principali fornitori sarà fondamentale poiché la concorrenza per la spesa dei clienti in progetti di trasformazione digitale si intensifica”, ha dichiarato Blake Murray, analista di Canalys. “Sicurezza, sviluppo di codice e strumenti di migrazione, supporto per implementazioni multi-cloud e ibride-IT, oltre a consentire costi più prevedibili, saranno le aree di interesse chiave mentre le società cercano di muoversi il più rapidamente possibile, ridurre al minimo le interruzioni e rimanere più vincolate tasche. I quattro principali fornitori di servizi cloud hanno mantenuto il ritmo dell’innovazione negli ultimi sei mesi e cercheranno di aggiungere ulteriori funzionalità per aiutare a vincere nuove attività. Ma la concorrenza di altri fornitori di servizi cloud si intensificherà “.