Il Covid-19 ribalta gli equilibri delle catene di approvvigionamento dei PC

Se il primo trimestre 2020 ha registrato una domanda di Pc e accessori accelerata, non sarà così per Canalys nei trimestri a seguire. Come si comporteranno le catene di approvvidionamento?

Il Covid-19 ribalta gli equilibri delle catene di approvvigionamento dei PC

Il Covid-19 colpisce duramente anche le catene di approvvigionamento di PC che, nonostante una domanda da parte degli utenti in aumento, registra al contrario una riduzione delle vendite dell’8%. E’ Canalys a stilare questa analisi e lo fa con tanto di grafici e dati. Ma andiamo per gradi.

La domanda di PC è cresciuta vertiginosamente nel primo trimestre del 2020, guidata da esigenze di lavoro e apprendimento a distanza a causa delle rigide misure di blocco in tutto il mondo.

Ma la crisi ha anche causato gravi ritardi nella produzione e problemi logistici, portando a riduzione dell’8% delle consegne di PC in tutto il mondo. La percentuale di calo è da leggersi su base annua.

Secondo una recente ricerca Canalys, nel primo trimestre 2020, i produttori hanno venduto 53,7 milioni di desktop, notebook e workstation. Le classifiche dei principali produttori sono rimaste stabili, con Lenovo ancora al comando del mercato dei PC con 12,8 milioni di unità vendute. HP è arrivata seconda con 11,7 milioni di unità, seguita da Dell con 10,5 milioni di unità. Dei primi cinque, Apple è stata colpita più duramente nel primo trimestre, poiché le sue vendite sono diminuite di oltre il 20% a 3,2 milioni di unità.

Il Covid-19 ribalta gli equilibri delle catene di approvvigionamento dei PC
Il mercato globale PC nel primo trimestre 2020

“L’industria dei PC è stata favorita dal blocco globale Covid-19, con prodotti che sono stati letteralmente presi di mira dagli scaffali dei punti vendita per tutto il primo trimestre”, ha affermato Rushabh Doshi, direttore della ricerca presso Canalys.Ma i produttori di PC hanno iniziato il 2020 con una fornitura limitata di processori Intel, causata da una transizione fallita ai nodi a 10 nm. Ciò ha accentuato il danno quando le fabbriche in Cina non sono state in grado di riaprire dopo le vacanze da Capodanno lunare. Il rallentamento dell’offerta ha incontrato invece una domanda accelerata, poiché le aziende utenti sono state improvvisamente costrette a dotare la strumentazione necessaria alla forza lavoro da remoto, effettuando ordini urgenti per decine di migliaia di PC. Anche i bambini avevano bisogno del proprio PC, poiché le scuole sono chiuse e le lezioni sono effettuate online. L’urgenza della domanda da parte sia del settore consumer sia business, unita alla carenza di offerta, ha fatto sì che il fattore chiave di sviluppo del mercato dei PC passasse dal costo dei dispositivi alla velocità di approvvigionamento”.

Il Covid-19 ribalta gli equilibri delle catene di approvvigionamento dei PC
Le quote di mercato

I produttori di PC registreranno profitti nelle prossime settimane, con percentuali di margine operativo che raggiungeranno i massimi storici. Molte altre tecnologie domestiche hanno visto una popolarità simile come per esempio le cuffie, le webcam, le stampanti e i monitor. Anche il software per il lavoro domestico ha superato le aspettative, inclusi ufficio, collaborazione, desktop virtuale, accesso remoto e sicurezza.

AMD, in particolare, sta andando bene, essendo sempre più accettata come alternativa competitiva a Intel dalle aziende e dai consumatori. Ishan Dutt, analista di Canalys, ha dichiarato: “Mentre siamo già nel secondo trimestre 2020, i vincoli di produzione in Cina sono diminuiti. Ma il picco della domanda di PC visto nel primo trimestre non è probabile che sia sostenuto e il resto dell’anno sembra meno positivo. Poche aziende spenderanno in tecnologia per i loro uffici, mentre molte case saranno state appena attrezzate. È iniziata una recessione globale: le imprese falliranno, con milioni di nuovi disoccupati. Anche i governi e le grandi società dovranno dare la priorità alla spesa altrove. Molte parti del settore tecnologico hanno beneficiato della prima parte di questo straordinario periodo di blocco, ma prevediamo una significativa flessione della domanda nel secondo trimestre 2020. Con le fabbriche ora riaperte e praticamente fino alla massima velocità in Cina, i produttori di PC dovranno affrontare un sfida a gestire correttamente la catena di approvvigionamento e la produzione nei prossimi tre o sei mesi”.

Il Covid-19 ribalta gli equilibri delle catene di approvvigionamento dei PC
Le onde di domanda e offerta di PC. Il secondo trimestre potrebbe riservare sorprese non positive. I tablet non sono trattati in questa immagine e i Chromebook sono inclusi come sottoinsieme di Notebook