Canalys: boom investimenti in sicurezza ma occhio alla scure sui budget IT

Le rivalutazioni verso il basso dei budget IT faranno crollare gli investimenti in sicurezza nei prossimi mesi. Le rilevazioni Canalys

Canalys: boom investimenti in sicurezza ma occhio alla scure sui budget IT

Boom investimenti in sicurezza ma occhio alla scure sui budget IT dice Canalys. Il blocco delle aziende, causa Covid-19, e il conseguente lavoro da remoto dei dipendenti e collaboratori delle stesse ha fatto crescere gli investimenti in sicurezza informatica nel primo trimestre 2020. Secondo le rilevazioni Canalys, il mercato mondiale della cybersecurity è aumentato del 9,7% anno su anno nel primo trimestre 2020. L’investimento totale ha raggiunto i 10,4 miliardi di dollari, spalmati in sicurezza della rete, sicurezza degli endpoint, sicurezza del web e della posta elettronica, sicurezza dei dati e vulnerabilità e analisi della sicurezza.

Cisco ha pesato per il 9,1% dell’investimento totale. Palo Alto Networks gli è stato a un passo con una quota di mercato del 7,8%. Fortinet ha mantenuto il suo slancio e aumentato la sua quota al 5,9%. Check Point è stato il quarto fornitore più grande, pari al 5,4%, mentre Symantec completa l’elenco dei primi cinque fornitori con il 4,7%.

Ma la crescita della sicurezza informatica non sarà tutta rose e fiori poichè i budget IT sono rivalutati verso il basso per tenere conto del peggioramento delle condizioni economiche, nonostante la criticità di proteggere da minacce e vulnerabilità crescenti, le risorse di dati, le operazioni e i dipendenti delle organizzazioni. Di conseguenza, gli aumenti previsti della spesa per la sicurezza informatica nei prossimi 12 mesi saranno ridotti o arrestati completamente.

Canalys: boom investimenti in sicurezza ma occhio alla scure sui budget IT
Ripartizione della spedizione di sicurezza informatica Canalys Q1 2020

Il passaggio senza precedenti al lavoro a distanza da marzo ha provocato una forte domanda di sicurezza degli endpoint per proteggere i nuovi notebook distribuiti dall’azienda, nonché i dispositivi di proprietà dei consumatori utilizzati come parte delle misure di continuità aziendale“, ha affermato Matthew Ball, Chief Analyst di Canalys. “Le vendite di sicurezza degli endpoint sono aumentate del 16,9% per rappresentare il 15,4% del mercato totale della sicurezza informatica. Questa forte crescita è proseguita nel secondo trimestre, in quanto più paesi hanno implementato misure di blocco. Ma la sicurezza della rete è cresciuta solo del 4% in quanto il business delle apparecchiature hardware per alcuni fornitori è stato influenzato dai vincoli della catena di approvvigionamento. Inoltre, molte organizzazioni sono state in grado di utilizzare meglio l’accesso alla rete esistente tramite impegni di servizio o aumentare la capacità tramite licenze aggiuntive anziché creare una nuova infrastruttura di sicurezza della rete. La sicurezza del Web e della posta elettronica è cresciuta del 13,8% su base annua man mano che le organizzazioni hanno continuato ad espandere il loro utilizzo di servizi basati su cloud e applicazioni software-as-a-service, incluso Office 365. “

I fornitori di sicurezza informatica hanno risposto rapidamente alla crisi, consentendo alle organizzazioni di proteggere temporaneamente i nuovi lavoratori remoti e restituendo visibilità e controllo dopo che molti avevano aggirato le politiche per garantire la continuità. Cisco ha esteso le licenze gratuite per i suoi prodotti Umbrella, Duo Security e AnyConnect Secure Mobility Client sia ai clienti esistenti che a quelli nuovi. Ha anche annunciato il suo programma di resilienza aziendale da 2,5 miliardi di dollari per mantenere in salute la sua pipeline. Palo Alto Networks ha lanciato il suo braccio di servizi finanziari per offrire termini di pagamento estesi, oltre a prove gratuite di 90 giorni per le sue offerte GlobalProtect. Juniper Networks ha fornito prove gratuite della sua vSRX ai clienti per espandere la capacità del firewall, nonché prove gratuite di AppSec, IPS e SecIntel. Bitdefender ha indirizzato la sua offerta di accesso gratuito di 12 mesi alle organizzazioni sanitarie, mentre Kaspersky ha anche reso disponibili gratuitamente le offerte Endpoint Security e Hybrid Cloud Security per il settore. Trend Micro ha fornito gratuitamente il suo prodotto di massima sicurezza per sei mesi ai lavoratori che dovevano utilizzare i propri dispositivi. McAfee ha offerto licenze burst di tre mesi a breve termine per i suoi prodotti endpoint, DLP, Unified Cloud Edge e CASB.

Canalys: boom investimenti in sicurezza ma occhio alla scure sui budget IT
I principali fornitori di cybersecurity di Canalys nel primo trimestre 2020

I fornitori che hanno rapidamente supportato clienti esistenti e nuovi durante il lockdown guadagneranno di più una volta che le organizzazioni rivaluteranno e ridistribuiranno le loro strategie di sicurezza informatica”, ha dichiarato Ketaki Borade, analista di ricerca di Canalys. “I lavoratori saranno più decentralizzati e lavoreranno da più posti di lavoro post-COVID-19. Ciò ha implicazioni per il tipo di soluzioni di sicurezza informatica necessarie, con una maggiore enfasi sulla sicurezza del cloud, zero-trust e automazione delle politiche. Ma è improbabile che la spesa per la sicurezza informatica sia completamente protetta dai tagli di bilancio, poiché le organizzazioni si adeguano al deterioramento delle condizioni fiscali “.

I tassi di crescita dovrebbero rallentare per il resto dell’anno e fino al 2021, anche se ci saranno alcuni aumenti in alcuni settori con la scadenza delle prove gratuite e i clienti che passano alle offerte a pagamento. I grandi progetti sono già in fase di esame, causando ritardi, mentre la domanda delle Pmi è scesa dalla metà del secondo trimestre. Un numero inferiore di pagamenti anticipati per contratti pluriennali sarà un altro fattore nei prossimi due trimestri, sebbene molti venditori abbiano già spostato gran parte della loro attività verso modelli di abbonamento più prevedibili.

“Il passaggio dalla crescita alta a quella bassa interesserà tutti i fornitori. I fornitori garantiti da fondi di private equity cercheranno di ridurre ulteriormente i costi, mentre le startup accelereranno i loro piani di uscita, offrendo ai fornitori più grandi l’opportunità di acquisire tecnologie emergenti e accelerare le loro strategie. I partner di canale e i clienti dovranno valutare attentamente i fornitori con cui collaborano, in termini di supporto e investimenti per soddisfare le loro esigenze in evoluzione ”, ha affermato l’analista della società.