Family business, lavoro agile si, no, perchè

Ecco i contenuti più visualizzati del mese di giugno 2021 su LinkedIn con gli hashtag #rassegnalavoroit e #NNL.

Quattro giorni di lavoro, Flash Battery e il ruolo del vero capo
Filippo Poletti

Centosettantacinque anni per Rummo da Benevento, la musica di Donnafugata, 4 giorni di lavoro in Giappone, family business a Fiorentini e il bilancio win-win del lavoro agile. Ecco i contenuti più visualizzati del mese di giugno 2021 su LinkedIn con gli hashtag #rassegnalavoroit e #NNL.

Tutti con Rummo

Rummo ce l’ha fatta. Ricordate l’alba del 15 ottobre 2015? Un violento nubifragio si abbatté su Benevento, mettendo in ginocchio lo storico pastificio. Allora, con l’hashtag #SaveRummo ci stringemmo in rete ai 1.500 operai rimasti senza lavoro. Oggi, 12 giugno 2021, Rummo festeggia i primi 175 anni di attività (con anche un francobollo celebrativo): è la festa dell’impegno, della dedizione e della resilienza, di chi sa rimboccarsi le maniche, reagisce e ce la fa. Per questo oggi siamo tutti con i maestri pastai della Campania.

Josè Rallo, che musica

Family business, lavoro agile si, no, perchè
Le notizie più cliccate su LinkedIn nel mese di giugno 2021

È stata premiata per “aver rivoluzionato, in chiave femminile, l’immagine del vino siciliano nel mondo“. È José Rallo, CEO di Donnafugata, dal nome della città descritta nel Gattopardo: uscita con il massimo dei voti dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, guida con passione e creatività l’impresa di famiglia (memorabile il suo concerto jazz al Blue Note di New York nel 2005) e da 8 mesi siede nel cda di ICE, l’agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione. All’ingresso dell’impresa vitivinicola ha voluto le parole di Goethe: “L’Italia senza la Sicilia non lascia alcuna immagine nell’anima: qua è la chiave di tutto“. A New Normal Live si è raccontata.

Tutti liberi in Giappone

Il Giappone cambia rotta: le aziende lasceranno liberi i dipendenti di decidere se lavorare 4 o 5 giorni alla settimana, puntando a creare un migliore equilibrio tra impiego e vita privata. La novità, racconta Sky Tg24, è presente nelle linee guida del Piano economico annuale e punta a migliorare il tasso di produttività (fornendo l’opportunità ai dipendenti di aggiornare le proprie competenze professionali) e a garantire maggior tempo libero da dedicare alla famiglia. Passo importante, non solo per il Giappone.

Fiorentini, family business

Manager e due volte mamma. E tanta energia positiva da condividere con tutti noi: “Mai buttarsi giù: con umiltà, impegno e dedizione i risultati arrivano”, ama ripetere Simona Fiorentini, responsabile marketing di Fiorentini Alimentari. Da Trofarello nel Torinese si è collegata a LinkedIn per raccontarsi a New Normal Live. Cosa sarebbe l’Italia senza le aziende familiari (la loro impresa è attiva dal 1918)?

Smart working, win-win

Doppio risparmio, doppio guadagno con lo smart working. A fare i conti è il manager Pier Luigi Celli: “Il risparmio per il datore di lavoro non è banale: oltre ai costi dell’affitto degli uffici, c’è il taglio delle spese del servizio mensa, delle pulizie, dell’illuminazione, del riscaldamento, della linea telefonica e di Internet”, spiega a Ilaria Betti sull’Huffington Post. “Da parte sua, anche il dipendente viene alleggerito: risparmia sul trasporto, risparmia sul pranzo, non è costretto a vestirsi ogni giorno in giacca e cravatta, dunque risparmia anche sul turnover del vestiario. Ha poi il vantaggio di godere di un ambiente a lui familiare, con tutti gli agi e i comfort di casa, in cui gli basta allungare una mano per prendere quello di cui ha bisogno”. Lo smart working conviene a tutti: datori e dipendenti.

a cura di Filippo Poletti, Top voice di LinkedIn, pubblica tutti i giorni su LinkedIn alle ore 8 la “Rassegna del cambiamento sul mondo del lavoro”, cura ogni giovedì il talk “New Normal Live” e dirige il portale Rassegnalavoro