Coronavirus: la Carta del docente anche per acquistare la tecnologia

Fino al 31 Marzo 2020 sarà possibile acquistare con la Carta del docente anche webcam e microfoni, penne touch screen, scanner e hotspot portatili.

Il lavoro cambia e con lui i datori di lavoro. IDC ne discute

A pochi giorni di distanza dal Dpcm (decreto del presidente del consiglio dei ministri) ecco che ieri sera, il presidente del consiglio Giuseppe Conte, ha siglato un altro Dpcm, entrato in vigore oggi, con regole ancora più stringenti.

L’emergenza Coronavirus ha dettato le regole della politica e del ‘buonsenso’ ‘sacrificando’, in parte, gli interessi economici a beneficio, si spera, della salute pubblica e della diffusione del contagio.

Proprio perchè non vi è un vaccino, perchè ancora non si conoscono così bene le dinamiche di questo nuovo virus e perchè le strutture sanitarie sono al collasso, l’unica soluzione che i cittadini devono attuare è quella di stare in casa, oltre a seguire le regole che quotidianamente i media ci ripropongono.

Coronavirus: la Carta del docente anche per acquistare la tecnologia
Giuseppe Conte in videoconferenza

Ma, tutto questo ha bloccato, di fatto la scuola e i datori di lavoro si sono trovati nel bel mezzo di una situazione complicata. Ad aiutare il paese, i cittadini, le istituzioni, i datori di lavoro e il personale sanitario, una soluzione arriverebbe dallo smartworking e dalla didattica a distanza.

Coronavirus: la Carta del docente anche per acquistare la tecnologia

Ma questo, ha portato gli italiani a riconsiderare sia la propria dotazione tecnologica, sia il proprio modo di concedersi allo studio e al lavoro. In questo senso va anche la decisione della Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina annunciata ieri.

Coronavirus: la Carta del docente anche per acquistare la tecnologia
Lucia Azzolina, Ministro dell’Istruzione
Fonte: sito del Governo Italiano

Da oggi e fino al 31 Marzo 2020 sarà possibile acquistare con la Carta del docente anche webcam e microfoni, penne touch screen, scanner e hotspot portatili. La Ministra ha spiegato che l’intervento di ampliamento degli hardware acquistabili con la Carta ha l’obiettivo di sostenere l’aggiornamento professionale degli insegnanti per migliorare l’organizzazione delle diverse forme di didattica a distanza in questo momento di emergenza. Sul sito della Carta sono state aggiornate anche le FAQ relative ai beni acquistabili.

Coronavirus: la Carta del docente anche per acquistare la tecnologia

Il Presidente della Aires Andrea Scozzoli ha dichiarato: “La priorità assoluta delle nostre imprese è ovviamente la sicurezza dei lavoratori e dei consumatori. Abbiamo per questo attuato tutte le misure indicate dalle Autorità di Salute Pubblica andando cautelativamente anche oltre a quanto prescritto. I rivenditori di prodotti elettrici ed elettronici pertanto, anche alla luce delle disposizioni contenute nel Dpcm emanato nella serata del 11 marzo che ha ribadito la natura di beni di prima necessità in ordine a questi prodotti, proseguono nel fare la propria parte per rispondere alle esigenze delle imprese, dei professionisti e ovviamente delle famiglie”.

Coronavirus: la Carta del docente anche per acquistare la tecnologia
Andrea Scozzoli, Presidente AIRES

E’ da segnalare il progetto #LaScuolaContinua nato in risposta alla ‘chiamata’ del Ministero dell’Istruzione per la crisi Covid 19. Si tratta dell’iniziativa a cui hanno aderito Cisco, Google, IBM, Tim e WeSchool per supportare in modo congiunto le community del sistema scolastico durante l’emergenza scuole chiuse. L’obiettivo, si legge dal sito, è contribuire a far proseguire l’attività didattica grazie agli strumenti digitali e scongiurare il rischio che milioni di ragazzi perdano la scuola per un periodo indefinito minacciando l’esito dell’anno scolastico.

Coronavirus: la Carta del docente anche per acquistare la tecnologia

Il progetto è ideato dalla virologa Ilaria Capua e promosso dall’Associazione copernicani con il supporto metodologico del centro studi Impara Digitale. #LaScuolaContinua è una community che permette a scuole, dirigenti e docenti di contare su un supporto unico che gli aiuti nell’adozione di piattaforme gratuite per creare classi digitali condividere contenuti verificare l’apprendimento e fare video lezioni a distanza tutto questo qualsiasi sia la tecnologia che la scuola voglia adottare o abbia già adottato.

In particolare, Cisco, oltre al progetto #LaScuolaContinua, ha messo in campo altre iniziative. Per le scuole, in particolare: Luiss. Avviato in meno di 24 ore un piano didattico a distanza secondo gli studenti hanno la opportunità di seguire in tempo reale le lezioni dei docenti collegati dalle aule dei campus, il tutto tramite la piattaforma Cisco Webex. Nelle prime 48 ore di sperimentazione, sono stati oltre 7mila gli studenti che hanno preso parte alle circa 500 lezioni universitarie a distanza trasmesse con la piattaforma digitale Cisco Webex, consentendo agli studenti non solo di seguire i corsi, ma anche di partecipare attivamente.

Coronavirus: la Carta del docente anche per acquistare la tecnologia

In base all’accordo tra Regione Emilia Romagna, Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna e Lepida Scpa (la società di gestione della rete a banda larga e dei servizi di connettività delle pubbliche amministrazioni) verranno forniti a studenti e docenti, servizi gratuiti basati sulla piattaforma Webex Meeting.

Per le aziende e i professionisti Cisco aderisce a Solidarietà Digitale, l’iniziativa del Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione per agevolare liberi professionisti e aziende nel lavoro da remoto, e mette a disposizione la propria piattaforma Cisco Webex Meetings.
Registrandosi sul sito Webex.com, i professionisti iniziare ad usare immediatamente e in modalità gratuita Webex Meeting.

Coronavirus: la Carta del docente anche per acquistare la tecnologia

Cisco e Microsoft hanno adetiro a Flexible Working, una task force per aiutare le organizzazioni del Paese a far leva sullo Smartworking e proseguire le attività quotidiane, senza arrestare servizi e business. Il progetto solidale riunisce alcune delle migliori aziende italiane nel settore dello smartworking – 4ward, Durante, Far Networks, Lantech Longwave, Var Group.

Tra le società che hanno sviluppato progetti, Avaya ha deciso di fornire gratuitamente il proprio software di collaborazione Avaya Spaces a strutture preposte alla formazione e all’istruzione: scuole, università ed organizzazioni no-profit. “Il Coronavirus (COVID-19) ha un impatto sulla vita delle persone in tutto il mondo e, giorno dopo giorno, apprendiamo di eventi che ci danno un quadro delle reali implicazioni per la salute causate dalla diffusione di questo virus”, dichiara Jim Chirico, CEO di Avaya.C’è una forte richiesta di aiuto da parte del settore dell’istruzione, dove gli educatori scolastici e universitari cercano di tuteleare la sicurezza degli studenti e garantire allo stesso tempo la continuità delle lezioni, impegnandosi per dare continuità ai programmi educativi. Avaya ha quattro milioni di postazioni di Unified Communications e di Contact Center nelle amministrazioni pubbliche centrali e locali e nelle istituzioni pubbliche e private che forniscono servizi di formazione e istruzione in tutto il mondo, per questo comprendiamo le richieste che ci arrivano, in particolare, dal settore dell’Istruzione e mettiamo quindi a disposizione la nostra soluzione Avaya Spaces”.

Coronavirus: la Carta del docente anche per acquistare la tecnologia

Avaya Spaces fornisce una soluzione per organizzare riunioni virtuali in cloud e per la collaborazione in team, consentendo così a persone e aziende di connettersi e collaborare da remoto e integrando chat, voce, video, riunioni online e condivisione di contenuti da un’unica app.

La soluzione offre agli utenti un’ampia gamma di funzionalità tra cui audio e video conferenze per un massimo di 200 partecipanti. Avaya Spaces, che è attivabile anche in mobilità, offre agli utenti un modo semplice, sicuro ed efficace per tenere traccia delle comunicazioni e gestire le attività in momenti come quelli che stiamo vivendo, quando i viaggi e gli spostamenti sono limitati. L’offerta gratuita Avaya Spaces è valida fino al 31 agosto 2020.