L’anti-spam sulla sicurezza in cloud ha reso bene alla distribuzione

Le ultime rilevazioni Context relative alle vendite di prodotti legati alla sicurezza fanno schizzare l'anti-spam e la gestione del controllo.

Sicurezza: le dimensioni aziendali non contano

I ricavi del canale derivanti alle vendite di prodotti anti-spam sono aumentate di quasi il 524%, fino a oggi, rispetto allo stesso periodo del 2020, mentre le aziende combattono un’impennata dei tentativi di phishing. Sono queste le ultime rilevazioni di Context.

La società di analisi mette in primo piano, tra le categorie che hanno dato maggiori risultati alla distribuzione, la sottocategoria di monitoraggio/filtro anti-spam della sicurezza cloud. Le categorie correlate che hanno ottenuto buoni risultati finora, quest’anno, sono la protezione dei dati (102%) e la sicurezza della posta (30%).

L’aumento della domanda potrebbe essere collegato a una maggiore sofisticazione degli attacchi dei criminali informatici per capitalizzare, attraverso phishing, l’interesse per la distribuzione di vaccini e schemi governativi per riaprire le economie europee.L'anti-spam sulla sicurezza in cloud ha reso bene alla distribuzione

Quando sono rivolti ai dipendenti, questi attacchi sono in genere progettati per indurre gli utenti a divulgare i dati di accesso aziendali e altre informazioni sensibili, oppure per fare clic su collegamenti dannosi o aprire allegati che possono attivare un download nascosto di malware.

Secondo i dati del governo britannico, l’83% delle aziende che hanno ammesso di aver subito una violazione della sicurezza lo scorso anno sono state colpite da attacchi di phishing, seguite dal 27% che ha classificato l’attacco come “furto d’identità”.

Il phishing è coinvolto in un’ampia percentuale di violazioni dei dati e aumentano le preoccupazioni per l’impatto sulle finanze e sulla reputazione aziendale, quindi stiamo assistendo a una forte crescita nei prodotti anti-spam, protezione dei dati e sicurezza della posta elettronica basati su cloud“, ha affermato Joe Turner, Manager Research & Business Development di Context. “Tuttavia, è importante ricordare che uno dei fattori di rischio più grandi e imprevedibili nella sicurezza informatica aziendale sono gli utenti, quindi qualsiasi investimento sui prodotti dovrebbe essere accompagnato da una rinnovata attenzione alla formazione dei dipendenti e ai programmi di sensibilizzazione”.

Il segmento della sicurezza cloud, in generale, ha avuto un buon inizio d’anno, registrando una crescita anno su anno di oltre il 22%.

La sicurezza degli endpoint (-11%) e della rete (-3,5%) hanno registrato prestazioni inferiori, anche se questo è prevedibile, dato l’enorme aumento delle vendite durante i mesi di marzo e aprile dello scorso anno, quando i paesi sono entrati per la prima volta in blocco, rendendo i confronti meno favorevoli.

Un’altra sottocategoria con buoni risultati nell’ambito della sicurezza del cloud è la gestione del controllo, che ha registrato una crescita dei ricavi di poco superiore al 104% su base annua. Ciò può essere collegato alla domanda da parte di ospedali e istituzioni del settore pubblico per la sicurezza per le loro piattaforme PaaS e IaaS.