Sicurezza in cloud: la spesa non conosce ostacoli

Secondo i dati Context nel primo trimestre 2021 la spesa per la sicurezza in cloud è cresciuta, in Italia, dell'11%.

L'MSP Connect di Sophos macina crescite e aggiunge novità

La spesa per la sicurezza in cloud non conosce stop.

Solo nel primo trimestre 2021 è cresciuta a due cifre percentuali. Secondo gli ultimi dati Context, il canale è riuscito a vendere prodotti per la sicurezza informatica software-as-a-service (SaaS) con un incremento dell’11%.

Il Context Weekly Revenue Trend Index confronta le prestazioni attuali con un valore di base di 100 derivato da una media di quattro settimane nel 2019. Nelle vendite di prodotti di sicurezza, questo indice mostra che i primi cinque mercati europei rimangono al di sotto della linea di base per la maggior parte del primo trimestre del 2021.

Tuttavia, mentre le vendite di sicurezza degli endpoint attraverso la distribuzione sono diminuite del -21% e le vendite della sicurezza di rete sono diminuite del -12% su base annua nel primo trimestre del 2021, la spesa per la sicurezza in cloud è aumentata di quasi l’11% nello stesso periodo.

Ciò potrebbe essere dovuto alla tendenza del lavoro da casa durante il blocco, con i datori di lavoro che investono in offerte SaaS per garantire che i loro dipendenti e i loro dispositivi che lavorano a distanza rimangano protetti.Sicurezza in cloud: la spesa non conosce ostacoli

In termini di singoli paesi, la Francia (+ 41%) ha registrato l’inizio dell’anno più forte in termini di spesa per la sicurezza SaaS, con buoni risultati anche nel Regno Unito (+ 14%) e in Italia (11%).

I ricavi in ​​Germania sono rimasti invariati durante la maggior parte del primo trimestre, anche se si prevede un rimbalzo nei prossimi mesi, mentre in Spagna si è registrato un calo del -27%.

Al di fuori dei primi cinque mercati, una menzione va a Paesi Bassi (41%), Belgio (78%) e Svezia (66%), che hanno tutti registrato una crescita elevata nel primo trimestre anno su anno nella sicurezza SaaS.

Nell’ambito della sicurezza del cloud, nei primi tre mesi dell’anno in corso, la crescita più forte anno su anno è andata alla prevenzione della perdita di dati (138%), alla gestione del controllo (98%), alla sicurezza della posta (27%) e alla sicurezza della rete (20%).

A parte la sicurezza della posta (-22%), tutti questi segmenti hanno registrato anche una crescita impressionante rispetto allo stesso periodo del 2019, che aveva una base di ricavi più elevata. La gestione del controllo ha registrato un aumento dei ricavi del 316%, la sicurezza della rete ha raggiunto il 68% e la prevenzione della perdita di dati è cresciuta del 67% dal primo trimestre del 2019.Sicurezza in cloud: la spesa non conosce ostacoli

Essendo già uno dei più grandi segmenti di prodotto, la gestione del controllo sta guidando uno slancio nel mercato della sicurezza SaaS.

“L’aumento della gestione del controllo può essere letto nel contesto di un anno di lavoro remoto in tutte le country e degli investimenti aziendali nelle offerte Infrastructure as a Service (IaaS) e Platform as a Service (Paas)”, spiega Joe Turner, manager per la ricerca e lo sviluppo aziendale Context.

“È probabile che vengano effettuati investimenti continui in tutte le aree della sicurezza informatica, data l’escalation dell’attività delle minacce, in particolare il ransomware rivolto alle organizzazioni sanitarie e alle istituzioni pubbliche già sopraffatte dal carico di lavoro di Covid-19”, continua.

“Abbiamo assistito a un forte aumento della domanda di sicurezza informatica SaaS in tutti i settori negli ultimi 12 mesi“, ha affermato James Munroe, UK Channel Director di Trend Micro. “Il desiderio di una piattaforma SaaS che rilevi le minacce e consenta una migliore visibilità e flessibilità, insieme alla libertà che offrono i modelli basati sul consumo, era già forte. La pandemia e i cambiamenti nel modo in cui lavoriamo hanno decuplicato questa velocità”.