Vendite notebook a gonfie vele, ma i rivenditori soffrono

Vendite notebook a gonfie vele, ma i rivenditori soffrono perchè durante il lockdown erano chiusi e molte aziende e privati si sono avvalsi dell'e-commerce. L'analisi di Context.

Vendite notebook a gonfie vele, ma i rivenditori soffrono

Dopo lo slancio del mercato dei notebook, registrato nel primo trimestre del 2020 a causa del Covid-19, Context non si sorprende nell’affermare che lo stesso trend ha caratterizzato il secondo trimestre.

I notebook hanno continuato a registrare una crescita tra i maggiori distributori dell’Europa occidentale, con volumi in crescita del +55% nel secondo trimestre 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

L’aumento del secondo trimestre è stato trainato dall’adempimento degli ordini del primo trimestre con il miglioramento della fornitura di prodotti, ma anche da nuovi ordini ricevuti poiché la domanda di dispositivi di telelavoro e di apprendimento è rimasta elevata in un trimestre che è iniziato in un periodo di rigorosi blocchi e si è concluso con l’allentamento del misure più restrittive.

Le vendite di notebook sono state elevate sia nel segmento commerciale sia in quello consumer, sebbene le vendite commerciali abbiano mostrato prestazioni migliori: i notebook del target business sono aumentati del +70,4% su base annua mentre i consumer sono cresciuti del +38%.

Il quadro era completamente diverso per i desktop: i volumi della categoria sono diminuiti del -27,8% su base annua nel secondo trimestre 2020, con sistemi commerciali in calo del -31,6% e prodotti di consumo -17,5%. Gli OEM di tutti i paesi dell’Europa occidentale e i distributori hanno espresso forti preoccupazioni per il conseguente aumento dei livelli delle scorte. Chiaramente, la pandemia ha agito come un acceleratore del passaggio a sistemi mobili a spese dei prodotti fissi. Va notato, tuttavia, che i desktop commerciali hanno dovuto affrontare un difficile confronto annuale nel secondo trimestre 2020, con una crescita del +17% un anno fa mentre le organizzazioni si preparavano a migrare a Windows 10.

Per quanto riguarda i canali di vendita, i canali consumer hanno visto un calo della quota delle vendite nei negozi al dettaglio a seguito della chiusura di negozi relativi alla pandemia a marzo, a beneficio delle vendite degli etailer. I volumi di notebook rivolti al business dai rivenditori sono scesi in sequenza ad aprile, mentre le vendite lato e-commerce hanno visto un aumento, suggerendo che alcune aziende hanno preferito acquistare online quando i rivenditori di piccole e medie dimensioni erano inattivi durante il picco della crisi.

“I numeri sono coerenti con le sfide poste dalla pandemia, compresi i cambiamenti nella domanda e nel comportamento di acquisto, la chiusura di negozi, le società che diventano temporaneamente inattive e gli uffici in tutto il continente che vanno in remoto”, ha affermato Marie-Christine Pygott, senior analyst di Context . “I notebook si sono dimostrati il prodotto perfetto; anche altre apparecchiature IT orientate a facilitare il lavoro a distanza e la scuola a distanza hanno funzionato bene durante la crisi, inclusi monitor, accessori e software di comunicazione “.

“Passando al terzo trimestre del 2020, la domanda dei notebook dovrebbe mantenersi in buona salute in numerosi segmenti. Vi è tuttavia un elevato livello di incertezza riguardo all’impatto della crisi sulle economie dell’Europa occidentale, il che significa che molte organizzazioni saranno molto caute quando si tratta di spese IT nei prossimi mesi “.