Rosenberger OSI e FiberCon ottimizzano le operazioni nei data center

L'obiettivo finale è lo sviluppo congiunto di una versione MTP / MPO del sistema CrossCon di FiberCon.

Rosenberger OSI e FiberCon ottimizzano le operazioni nei data center

Rosenberger OSI ha siglato una collaborazione con FiberCon. Le due società intendono valersi del know-how congiunto sulla fibra ottica e sulla tecnologia di interconnessione per ottimizzare ulteriormente le operazioni nei data center. L’obiettivo finale è lo sviluppo congiunto di una versione MTP / MPO del sistema CrossCon di FiberCon.

FiberCon è specializzata nel campo della trasmissione dati su fibra ottica, con alle spalle un passato di oltre 20 anni di esperienza nella ricerca e nello sviluppo di tecnologie di connessione. La società opera costantemente verso nuove soluzioni high-tech con esperti nel campo della ricerca sulla tecnologia delle fibre ottiche. Il portafoglio aziendale comprende prodotti innovativi e brevettati, con componenti ottimizzati per la micro ottica interconnessione logica per l’intero settore delle telecomunicazioni e dei data center.

Rosenberger OSI e FiberCon ottimizzano le operazioni nei data center

In FiberCon abbiamo trovato il partner ideale per le soluzioni innovative di infrastruttura dei data center. Con oltre 25 anni di esperienza approfondita in qualità di assemblatore paneuropeo di soluzioni innovative per data center, reti locali, telecomunicazioni e industria, siamo davvero contenti di unire il nostro know-how a quello di un tale esperto di cablaggio», afferma Thomas Schmidt, amministratore delegato di Rosenberger OSI.Rosenberger OSI e FiberCon ottimizzano le operazioni nei data center

Una delle innovazioni proprietarie di FiberCon è il sistema brevettato CrossCon per le infrastrutture dei data center. Come unità rack integrata a 19 pollici, il sistema CrossCon garantisce sempre un cablaggio dei data center standardizzato, strutturato e tuttavia flessibile. Grazie a un nuovo tipo di schema plug-in, il sistema consente a ogni terminale rack collegato di comunicare con qualsiasi altro rack terminale dell’intero schema di interconnessione nel data center. Il core di connessione CrossCon mostra tutto il suo potenziale in termini di scalabilità specialmente nelle topologie moderne dei data center, come l’architettura incrociata Spine-Leaf.

Rosenberger OSI e FiberCon ottimizzano le operazioni nei data center

L’architettura Spine-Leaf, completamente a maglia, è sempre più utilizzata nelle moderne e potenti infrastrutture dei data center. In questo schema ogni router o switch del livello superiore è collegato a tutti i router, switch o server del livello inferiore, con conseguente latenza molto bassa, elevata affidabilità e facile scalabilità. Gli svantaggi della nuova architettura, tuttavia, sono le maggiori necessità di spazio e l’enorme sforzo operativo che deriva dall’elevato numero di connessioni fisiche e complesse topologie di connessione incrociata. È qui che entra in gioco CrossCon.

Contrariamente alla struttura classica di un’architettura Spine-Leaf, qui non è necessario un cablaggio complesso, poiché i segnali sono incrociati all’interno del CrossCon e vengono instradati verso e dal CrossCon solo con cavi patch o trunk. Questo nuovo tipo di percorso del segnale può migliorare drasticamente la documentazione e mappatura dell’instradamento dei cavi e ridurre il numero di operazioni di connessione. Si evitano così complessi processi di lavoro durante l’installazione iniziale e la successiva espansione dei router riducendo una fonte che statisticamente genera errori.

Rosenberger OSI e FiberCon ottimizzano le operazioni nei data center

Rosenberger OSI e FiberCon ottimizzano le operazioni nei data center

L’obiettivo della collaborazione tra Rosenberger OSI e FiberCon è lo sviluppo congiunto di una versione MTP/ MPO del sistema CrossCon.

I vantaggi del connettore MTP/MPO sono evidenti: MTP/MPO è un sistema di connettori standardizzato a livello internazionale e quindi indipendente dal produttore, vantaggioso per future espansioni e riconfigurazioni del sistema. Inoltre, i connettori MTP/ MPO possono essere a 12 o 24 fibre, con un notevole risparmio di spazio sulla PCB e nel rack.

“Con il prodotto sviluppato congiuntamente ci stiamo concentrando su un sistema di connessione standardizzato a livello internazionale basato su MTP /MPO, che in futuro rivoluzionerà le operazioni dei data center”, conclude l’amministratore delegato.