Il Regno Unito non è pronto a riportare negli uffici i lavoratori

Context ha analizzato i dati di canale relativi alle vendite di toner, poiché nessun altro prodotto IT è così intrinsecamente collegato alla presenza sul posto di lavoro.

Dispositivi personali dei dipendenti per accedere alle aziende. Uno su tre

Il Regno Unito tiene a casa i lavoratori. Secondo l’indice Return to Work di Context, i dipendenti del Regno Unito sono tra i meno propensi rispetto ad altri paesi a tornare in ufficio dopo i blocchi del governo.

Un recente studio di Morgan Stanley ha rivelato che il Regno Unito è notevolmente indietro rispetto a paesi come Francia, Italia e Spagna in termini di numero di dipendenti che sono tornati al loro normale posto di lavoro. Quelli a Londra erano più propensi che in qualsiasi altra grande città europea a lavorare ancora da casa.

Per saperne di più, Context ha analizzato i dati di canale relativi alle vendite di toner, poiché nessun altro prodotto IT è così intrinsecamente collegato alla presenza sul posto di lavoro.

Ha quindi tracciato ciascun paese, in base alle vendite continuative di quattro settimane di toner attraverso la distribuzione, tradotto a un tasso di cambio fisso dell’euro e con un valore dell’indice iniziale di 100 all’inizio della pandemia. Questo punto di partenza è stato calcolato dalla media delle vendite di quattro settimane per ogni paese nel 2019.

L’indice di ritorno al lavoro risultante divide i paesi in quelli “rientrati sul posto di lavoro” con un punteggio di 70+, “ritorno al lavoro” (55+) e “a casa” (<55).

I risultati Context corrispondono quasi esattamente allo studio Morgan Stanley.

Con un punteggio indice di 68, il Regno Unito e l’Irlanda sono di gran lunga i paesi dove non si è tornati sul posto di lavoro, ben dietro a Spagna (83), Italia (86), Germania (94) e Francia (97).

Solo Norvegia (66), Danimarca (61), Paesi baltici (59) e Brasile (50) sono al di sotto del Regno Unito nell’indice.

Non è chiaro se il ritardo del Regno Unito sia il risultato del suo blocco relativamente tardivo e del successivo allentamento delle restrizioni rispetto ad altri principali paesi, o se sono in gioco altri fattori, come una percentuale più alta di lavori da colletti bianchi che possono essere svolti a distanza, o un maggior numero di utenti del trasporto pubblico.

“Il nostro indice di ritorno al lavoro mostra il potere dei dati del canale IT nel discernere le tendenze sociali e macroeconomiche più ampie“, ha affermato Adam Simon, CFO di Context e amministratore delegato globale. “Il Regno Unito potrebbe essere in fondo alla classifica a causa di molti fattori, non ultima la preferenza del governo per l’emissione di consigli piuttosto che di ordini alle imprese. Ma sono chiaramente i dati che vorranno tenere d’occhio, fornire le principali implicazioni economiche “.

Dato che i fattori stagionali e di altro tipo, come le vacanze estive, possono portare a un flusso continuo nei prossimi mesi, Context eseguirà settimanalmente l’indice di ritorno al lavoro su base settimanale.