Luci e ombre sul mercato degli smartphone in Cina. Lo dice Canalys

Il mercato degli smartphone in Cina, secondo Canalys, ha avuto un andamento positivo nel primo trimestre 2020 ma in calo su base annua.

Canalys: 70% degli smartphone prodotti in Cina venduti negli Stati Uniti

Luci e ombre sul mercato degli smartphone in Cina. Huawei scoppiettante nella cinquina del ‘potere’ di mercato cinese. Il mercato degli smartphone, in Cina, ha visto un buon risultato durante il primo trimestre 2020 ma in calo del 18% su base annua secondo Canalys.

Secondo gli ultimi dati della società di analisi inglese, nel primo trimestre di quest’anno sono stati 73 milioni il numero di smartphone venduti. La Cina ha lottato con il Covid-19 e i grandi produttori di smartphone hanno vissuto sulla loro pelle questo andamento.

Ma, nonostante tutto, i primi cinque produttori hanno riportato risultati migliori del previsto. Huawei è stato il principale produttore nel mercato cinese, registrando un altro trimestre eccezionale, e l’unico tra i primi cinque fornitori a far crescere le vendite ogni anno a causa delle difficili condizioni del mercato.

Oppo ha mantenuto il secondo posto, mentre Vivo è arrivato terzo, con vendite in calo rispettivamente del 26% e del 19%. Xiaomi ha subito un calo del 26% su base annua nel primo trimestre per rimanere tra i primi quattro, seguito da Apple al quinto posto.

Andamento mercato smartphone in Cina nel primo trimestre 2020
L’andamento delle vendite degli smartphone in Cina analizzando ogni primo trimestre di ogni anno a partire dal 2012. Dal 2013 si registra un calo

“Lo smartphone come oggetto personale essenziale ha impedito al mercato di cadere ulteriormente durante la pandemia“, ha affermato Nicole Peng, VP Mobility.Le prestazioni del primo trimestre sono state sostenute anche dal consolidato canale di e-commerce cinese per la distribuzione di smartphone e dal fatto che la maggior parte delle aziende cinesi sono state in grado di riprendere a lavorare rapidamente dopo due settimane di restrizioni di viaggio a livello nazionale. Sfortunatamente, le stesse condizioni non si applicano in nessun altro grande mercato al mondo”. Insomma, se da un lato luci e ombre sul mercato degli smartphone in Cina in altri stati non si sono verificati gli stessi andamenti.

“I produttori con le maggiori risorse finanziarie, il controllo della catena di approvvigionamento e il potere di negoziazione con il canale stanno recuperando più rapidamente, mentre i più piccoli sono stati abbattuti”, ha dichiarato l’analista di Canalys Mo Jia. “La crisi del coronavirus ha spinto il mercato verso i primi cinque produttori, che ora rappresentano quasi il 95% del mercato totale. Huawei, ad esempio, sta usando la sua forza nella catena di approvvigionamento del 5G e il suo volume di canali per superare i concorrenti. Gli smartphone di punta serie P e Mate del produttore cinese sono considerati gli unici seri sfidanti degli iPhone di Apple di fascia alta, il che crea slancio e sentimento positivo del marchio per guidare il resto del suo portafoglio di dispositivi. I canali di distribuzione dipendono sempre più dall’attività di fascia alta di Huawei, che produce margini più elevati. Xiaomi, Oppo e Vivo, hanno recentemente aumentato gli investimenti nei loro flagship e questi non sono ancora visti come forti alternative ai modelli di Huawei “, ha affermato Mo.

L'andamento dei primi cinque produttori di smartphone in Cina
I primi quattro produttori di smartphone puntano sulla spinta del 5G nel loro portfolio. Huawei e Xiaomi con una percentuale di venduto in crescita del 26 per cento sui prodotti 5G, Vivo 23 per cento e Oppo più 15 per cento

La pandemia non ha avuto un impatto sostanziale sui progressi del 5G in Cina, sia in termini di implementazione dell’infrastruttura da parte degli operatori sia di distribuzione dei dispositivi da parte dei venditori di telefoni, poiché molti di loro sono passati ai lanci online.

Dalle analisi di Canalys si evince che”Huawei è leader nella quota di mercato del 5G dopo sei mesi di lancio commerciale”, ha affermato Louis Liu, Research Analyst.Nelle ultime fasi del primo trimestre, ha beneficiato di un consistente inventario, che è stato costruito prima del blocco. Anche Oppo, Xiaomi e Vivo stanno spingendo in modo aggressivo, ma le loro vendite in 5G sono state colpite dallo shock di produzione del primo trimestre. Entro la fine dell’anno, gli operatori inizieranno a ridurre i costi tariffari del 5G e forniranno una varietà di incentivi alle vendite per i dispositivi 5G. Ma prima che ciò accada, i fornitori di dispositivi dovranno guidare autonomamente la domanda degli utenti finali, il che includerà portare i prezzi degli smartphone 5G al di sotto di CNY 1.500 (US $ 200) entro la fine del 2020″.

Andamento vendite smartphone primo trimestre 2020 in Cina in discesa del 18 per cento
Andamento del mercato degli smartphone in Cina. analisi primo trimestre 2020 su primo trimestre 2019. Andamento annuo per i primi cinque produttori. Si nota la crescita dell’7% di Huawei.

Guardando al futuro, quest’anno restiamo cauti sulla velocità della ripresa nel mercato cinese degli smartphone e manteniamo il nostro scenario migliore di 326 milioni di vendite per il 2020, inclusi 137 milioni di smartphone 5G. L’aumento della disoccupazione, in particolare nei settori manifatturiero, del commercio al dettaglio, dei viaggi e del turismo, nonché il forte calo delle entrate e dei profitti delle aziende, gettano ombra sulla fiducia dei consumatori e sul potere di spesa. Questo, a sua volta, avrà un effetto negativo sul mercato degli Application service provider. Quest’anno la situazione macroeconomica è un’enorme bandiera rossa per gli attori del mercato cinese “, ha dichiarato Peng.